Rendimenti in aumento nelle ultime aste dei titoli di stato

Come prevedibile si sono concluse con rendimenti in forte rialzo tutte le aste dei titoli di stato italiani di quest’ultima settimana di settembre.

Vediamo il dettaglio ordinato per scadenze crescenti:

  • Bot a sei mesi: rendimento lordo 3,07 contro il precedente 2,14%
  • Ctz 2013: 4,51%, 3,41% nell’ultima asta. Si sono toccati i massimi da luglio 2008
  • Btpi (indicizzati all’inflazione europea) 2019: 4,29%. L’ultima asta a febbraio si era chiusa con un misero 2,07%
  • Btp 3 anni – 2014:  4,68% dal precedente 3,87%
  • CCTeu a 4 anni – 2015: 5,63%
  • Btp 10 anni – 2021: 5,49%
  • Btp 11 anni – 2022: rendimento in aumento al 5,86% contro il 5,22% dell’ultima asta

Oltre all’evidente aumento dei tassi di interesse si può notare come questi sono saliti più repentinamente sulle scadenze brevi appiattendo notevolmente la curva dei rendimenti (solo 1 punto percentuale fra il titolo a 2 e a 10 anni). Questo è un segnale che sul mercato prevale il nervosismo ma non si nutrono veri timori di un default italiano.

Le ragioni del rendimento del CCTeu a 4 anni sono invece da ricercare nella previsione di una fase di stallo nell’indice euribor, con alcune analisi che lo vedono tornare verso l’1% a breve.

In tale situazione è preferibile per il piccolo risparmiatore rimanere su scadenze brevi che saranno soggette a minore volatilità. Questo a maggior ragione ora che, con l’appiattimento della curva, il maggior rendimento del Btp a 10 anni non appare tale da colmare il gap di rischio con il Ctz a 2 anni o altri titoli di simile scadenza.

 

Product Name: Rendimenti in aumento 238
Product Rating: 4.8
Summary: Rendimenti in aumento nelle ultime aste dei titoli di stato 238
Reviewed by: Sole 24 Ore
Price: $144
---------------------

Iscriviti gratis alla newsletter, inserisci la tua email:


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *