Obbligazioni Hypo Alpe Adria a rischio. E i conti correnti?

Hypo Alpe Adria è stata nazionalizzata nel 2009 nel pieno della crisi bancaria. Lo Stato austriaco ci mise ai tempi 4,8 miliardi di euro per il salvataggio. La banca ancora oggi è in pesanti difficoltà e il governo austriaco sta decidendo come risolvere la situazione. Ma i tempi sono brevi visto che incombono i test europei della BCE.

Dopo le dimissioni di Klaus Liebscher, presidente dell’Istituto, il governo austriaco ha approvato un’ulteriore  iniezione di liquidità su richiesta dei revisori contabili. Ma per lo stesso ministro delle finanze austriaco, al momento non si sa esattamente di quanto la banca abbia  bisogno. Le cifre che circolano parlano di ulteriori 4 miliardi di euro per salvare la banca, chiudere i conti 2013 e rispettare gli standard minimi sul patrimonio.

Fallimento banca e haircut obbligazioni

Una prima soluzione è la creazione di una bad bank in cui far affluire i debiti in sofferenza e incaglio. Ma chi si farebbe carico di questa bad bank? Al momento dovrebbe essere lo Stato austriaco, e qui iniziano i problemi. Si tratta infatti di una soluzione politicamente scomoda e impopolare, che accollerebbe sulle spalle dei contribuenti austriaci il salvataggio della banca.

Si fa quindi sempre più forte l’intenzione di seguire la strada di Cipro, o della banca olandese Sns, opzione voluta apertamente dal Ministro delle Finanze. In pratica quindi al salvataggio saranno chiamati a contribuire anche gli obbligazionisti di Hypo, e forse anche i correntisti (almeno per la parte di saldi che supera la soglia dei 100.000 euro fino ad oggi salvaguardati).

La situazione non è una novità per i mercati finanziari. Già a dicembre circolavano voci per cui il Governo stava pensando di offrire agli obbligazionisti un haircut del tipo due per tre. Ma i rischi sono nel frattempo aumentati.

Sul mercato le obbligazioni subordinate sono ormai considerati in default. Si guardi per esempio la subordinata perpetua  2022 7,375% DE0006949555 con pagamento cedola già bloccato. Ma anche i titoli sub T1 quotano a valori che considerano il fallimento come un dato accertato. Una bella differenza quindi con il caso dei bond SNS su cui cadde improvvisamente la notizia del taglio (ai tempi quotavano infatti oltre 70).

Il dubbio rimane se a pagare saranno anche i possessori di obbligazioni senior, in particolare quelli garantiti dalla Carinzia. Hypo Alpe Adria ha 14 miliardi di euro di debito garantiti dalla Carinzia. Regione che però non è in grado di garantire tale somma senza l’intervento dello Stato. Ma ilfallimento pilotato (haircut) per salvare la banca potrebbero minare la fiducia su tutto il sistema, generando un contagio i cui costi sarebbero significativamente superiori ai vantaggi di una ristrutturazione del debito a danno di tutti gli obbligazionisti, e nel caso dei grandi correntisti. Sono dubbi espressi ufficialmente dallo stesso governatore della banca centrale austriaca.
Le obbligazioni senior (es. 15/10/2014 in CHF 2,875% CH0019467247  e 31/10/2016 in EUR 4,25% XS0272401356) hanno quindi visto, dopo un calo delle quotazioni che ha portato i rendimenti fino a quota 20%, un rialzo. Le incertezze però rimangono, quindi meglio evitare la scommessa. Meno rischi sui conti correnti, salvo appunti per i depositi oltre la soglia del fondo di garanzia (100.000 euro).
Product Name: Obbligazioni Hypo Alpe 736
Product Rating: 4.5
Summary: Review: Obbligazioni Hypo Alpe Adria a rischio. E i conti correnti? 736
Reviewed by: Sole 24 Ore
Price: $197
---------------------

Iscriviti gratis alla newsletter, inserisci la tua email:


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *