Fxcm rimborsa i clienti ma …

Fxcm è un importante broker forex a livello internazionale (e molto attivo anche in Italia). Eppure ha seriamente rischiato il fallimento dopo il crollo dell’euro contro il franco svizzero a seguito della decisione della banca centrale svizzera di non sostenere più la moneta locale al fine di mantenerne bloccato il cambio con l’euro a circa 1,20.

Di fatto il repentino crollo dell’Eur – Chf a lasciato sotto zero molti dei conti trading dei clienti che hanno perso, grazie all’effetto leva, più di quello che avevano. Un effetto paradossale che ci mostra i rischi del mercato delle valute. In queste situazioni il broker è chiamato in prima persona a coprire le perdite dei clienti, per poi potersi rivalere su quest’ultimi.

Fxcm solo nella giornata fatidica del 15 gennaio 2015 ha realizzato un buco nei conti per circa 200 milioni di dollari. Per questo ha avuto bisogno di un salvataggio con una iniezione di capitali da parte della banca d’affari Leucadia (gruppo Jefferies) pari a 300 milioni di dollari. Un finanziamento comunque molto oneroso per il broker:

  • un tasso di interesse fino al 17% (dalla base del 10% previsto + 1,5% ogni trimestre)
  • Leucadia ha il diritto di imporre a FXCM la vendita in tre anni
  • Leucadia tratterrà più del 50% del ricavo della vendita di FXCM

Recentemente poi il broker americano è tornato sui giornali per una mossa all’apparenza generosa.  A tutti i clienti retail (ossia piccoli trader, non gli operatori professionali o coloro che movimentano grandi cifre) che hanno subito una perdita per il rialzo sull’euro effettuato dal franco nella giornata del 15 gennaio, azzererà il conto negativo. In sintesi il comunicato di Fxcm

“azzerare le perdite di circa il 90% dei clienti che lo scorso 15 gennaio 2015 hanno sostenuto saldi negativi a seguito della decisione della Banca nazionale svizzera. Fxcm entro 24-48 ore notificherà la sua decisione ai clienti che beneficiano di questo provvedimento, aggiornando nel frattempo i loro estratti conto”.

Scriviamo apparentemente generoso perché è ovvio che nessuno dei piccoli traders con saldo in rosso avrebbe rimpinguato il conto. E nemmeno Fxcm poteva sperare di imporlo visto i costi per il recupero di tante piccole cifre da migliaia di traders sparsi per il mondo. Insomma: una presa d’atto della situazione. Inoltre in questo modo Fxcm può sperare che una parte di questi clienti continui ad operare effettuando nuovi versamenti.

Al contrario invece il broker esigerà dai clienti istituzionali, da chi detiene ingenti patrimoni (high net worth) e dai trader professionali, il rientro del conto. Il comunicato di Fxcm precisa che si tratta del 10% dei clienti che hanno sostenuto saldi negativi ma che rappresentano ben il 60% del totale del debito dovuto.

La scelta dell’intermediario si conferma quindi uno degli elementi fondamentali nel trading sul Forex. Ormai non basta più selezionare un broker forex autorizzato, occorre sceglierne uno affidabile che abbia dimostrato di sostenere anche i peggiori periodi di volatilità sui mercati delle valute. Per questo ultimamente consiglio Plus500 , tra gli intermediari che non hanno avuto problemi grazie alla “robustezza delle sue politiche e processi di risk management” . Non a caso, mentre le azioni di Fxcm (e di altri broker) sul Nyse sono sprofondate, la quotazione delle azioni Plus500 è salita.

Plus500 è un noto broker forex inglese autorizzato e affidabile che consiglio, sito in italiano e con ottimo bonus di benvenuto. Ricorda che il tuo capitale può essere a rischio. Plus500 è un CFD Service, opera solo tramite CFD (prodotti derivati su altri strumenti di investimento come azioni) ed è appropriato per trader con esperienza, non novizi.  Plus500 Uk Ltd è autorizzato e regolato dalla Financial Conduct Authority mentre Plus500 CY Ltd è autorizzato e regolato dalla Cyprus Securities and Exchange Commission.

Product Name: Fxcm rimborsa i clienti ma … 513
Product Rating: 5.0
Summary: A review on Fxcm rimborsa i clienti ma … 513
Reviewed by: Sole 24 Ore
Price: $182
---------------------

Iscriviti gratis alla newsletter, inserisci la tua email:


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *